E’ un’altra era quella che vi sarà da qui al futuro per le Professioni Sanitarie.

Dal 15 Febbraio 2018 è entrata in vigore la grande riforma delle Professioni Sanitarie (approvata lo scorso 22 dicembre) che, per svolgere la loro attività, dovranno essere iscritte ai rispettivi Ordini (a questo link, Quotidiano Sanità, trovate una disamina eloquente ed esaustiva della legge pubblicata ufficialmente sulla Gazzetta Ufficiale il 31 gennaio scorso).

La Legge 3 Gennaio 2018, ex DDL Lorenzin, prevede una serie di Decreti Attuativi che dovranno essere emanati nei prossimi mesi.

Il primo riguarderà la istituzioni degli Albi e delle Commissioni di Albo per tutte le Professioni che non erano Ordinate.

L’Ordine multialbo composto dai Tecnici di Radiologia Medica, dalle Professioni Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione rappresenta la vera novità per la sua complessa composizione con più Professioni ognuna con un proprio Albo.

Il 15 marzo 2018, è stato, infatti, firmato dal Ministro della salute Beatrice Lorenzin il primo decreto attuativo della legge sulla riforma degli Ordini professionali. Si tratta del decreto che istituisce gli albi delle 17 professioni sanitarie, fino ad oggi regolamentate e non ordinate, che entreranno a far parte dell’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. Tali albi si aggiungono a quelli già preesistenti dei Tecnici sanitari di radiologia medica e degli Assistenti sanitari.Si completa in tal modo il quadro normativo per tutte le 22 professioni sanitarie, ognuna delle quali avrà un Ordine di riferimento. Un traguardo, atteso da dodici anni, che rappresenta un altro tassello di riforma per tutto il sistema sanitario nell’ottica di una sempre maggiore valorizzazione del ruolo delle professioni sanitarie e, contestualmente, di una migliore tutela del diritto alla salute dei cittadini.Al fine di garantire che la nuova cornice normativa fosse non solo condivisa ma anche rispondente alle esigenze dei professionisti sanitari interessati, il testo del decreto è stato definito anche con il contributo del Presidente dei Tecnici sanitari di radiologia medica e del Presidente del Coordinamento nazionale delle associazioni delle professioni sanitarie (CONAPS), e a seguito di una lettura condivisa con le Associazioni

Qui di seguito i nuovi albi delle professioni sanitarie istituiti presso gli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione:

a) albo della professione sanitaria di Tecnico sanitario di laboratorio biomedico;
b) albo della professione sanitaria di Tecnico audiometrista;
c) albo della professione sanitaria di Tecnico audioprotesista;
d) albo della professione sanitaria di Tecnico ortopedico;
e) albo della professione sanitaria di Dietista;
f) albo della professione sanitaria di Tecnico di neurofisiopatologia;
g) albo della professione sanitaria di Tecnico fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare;
h) albo della professione sanitaria di Igienista dentale;
i) albo della professione sanitaria di Fisioterapista;
j) albo della professione sanitaria di Logopedista;
k) albo della professione sanitaria di Podologo;
l) albo della professione sanitaria di Ortottista e assistente di oftalmologia;
m) albo della professione sanitaria di Terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva;
n) albo della professione sanitaria di Tecnico della riabilitazione psichiatrica;
o) albo della professione sanitaria di Terapista occupazionale;
p) albo della professione sanitaria di Educatore professionale
q) albo della professione sanitaria di Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro

Sarà prevista anche una adeguata informazione da parte degli organismi istituzionali a tutti Cittadini ed Enti interessati. Con l’inasprimento delle norme contro l’abusivismo professionale ci auguriamo che finiscano le truffe ai Cittadini subite finora.

Questa è una notizia importante?

L’emanazione del primo Decreto Attuativo del DDL Lorenzin è un fatto molto importante perché attua la normativa vigente e permette la cosa più importante per noi, ovvero la costituzione dell’Albo del Logopedisti iscritti al relativo Ordine, senza di questo non si poteva partire con quella che definiremo “grande operazione” culturale e professionale per la implementazione e costituzione del nostro Albo.

Cosa succede ora?

Se leggete bene il Decreto, in particolare l’art. 5 si prevedono norme transitorie dove le Associazioni Maggiormente Rappresentative come la FLI, avranno un ruolo di facilitatori e di responsabilità per l’istruttoria per la composizione dell’Albo per la valutazione degli iscritti (Art. 5 Norme transitorie comma 2 e 3).

Possiamo affermare che la nostra cultura di responsabilità e di garanzia della qualità professionale, sta avendo un grande riconoscimento da parte della comunità professionale in quanto siamo un punto di riferimento per moltissimi Logopedisti che si sono già iscritti nel 2018, a tutti gli altri, consigliamo di prendere consapevolezza del cambiamento epocale e di richiedere informazioni quanto prima per ottemperare alla normativa vigente.

 

Allegati:
Scarica questo file (DECRETO-ATTUATIVO 15marzo2018.pdf)Decreto Attuativo 15.03.18[ ]619 kB
Scarica questo file (Legge Lorenzin.pdf)DDL Lorenzin[ ]176 kB